La pododermatite è uno dei problemi più ricorrenti nei conigli e nelle cavie

Se nella parte inferiore della zampa trovate una zona arrossata e priva di pelo, occorre intervenire subito.

La pododermatite è una di quelle patologie che cominciano in modo blando, tanto da sfuggire alla nostra attenzione, evolvendo velocemente in qualcosa di molto più grave.

Vi siete mai soffermati ad osservare le zampette del vostro coniglio o della vostra cavia? Ebbene, nella parte inferiore, noterete che non hanno i polpastrelli come il cane e il gatto, ma soltanto un sottile strato di cute coperto da morbido pelo.

Ma cosa succede se poggiano per tanto tempo i loro piedini su un substrato duro, sporco o umido? E se trascorrono buona parte della giornata sulle grate di una gabbia?  In questi casi potreste trovare una zona priva di pelo, leggermente arrossata: si tratta del primo stadio di una pododermatite, una patologia insidiosa da non sottovalutare e che molto spesso mi è capitato di vedere in molti animali, a volte anche in quelli tenuti nelle migliori condizioni.

Tutto comincia con un eritema che può trasformarsi in un’ ulcera e infine una crosta. Sono lesioni dolorose,  il nostro amico può diventare riluttante al movimento, zoppicare e perdere il suo appetito e la sua vitalità.

Se trascurata, la lesione può infettarsi, formare del pus ed estendersi ai tessuti profondi come tendini e ossa, dando vita ad una osteomielite, un infezione dell’osso molto difficile da guarire.

Come possiamo fare? È necessario affidarsi alle cure del vostro veterinario per animali esotici, che controllerà con una visita periodica lo stato di salute delle zampe, vi fornirà i consigli giusti per la prevenzione e imposterà nel caso le giuste terapie.

La regola fondamentale è: non abbassiamo mai la guardia. Ad ogni minimo sospetto è bene rivolgersi ad un veterinario esperto in animali esotici. In basso troverete le strutture con le quali collaboro.

Hai bisogno di aiuto?

Collaboro con diverse strutture

logo cvrs
logo Clinica Veterinaria Monopoli